Verticale di Carmignano Capezzana dal 2017 al 1930. Storia di una famiglia coerente e lungimirante.

Sono poche le aziende in grado di poter vantare uno storico del calibro di Capezzana, azienda agricola sita a Carmignano, terra di grandi vini rossi in provincia di Prato a pochi km al nord di Firenze.

La Famiglia Contini Bonacossi rileva l’azienda nel 1920 per continuare l’avventura di un territorio ricco di fascino e di storia che affonda le prime radici nel lontano 3000 a.C. quando gli Etruschi allevavano già la vite in Italia per godere dei suoi frutti.

Una pergamena datata 804 d.C attualmente conservata nell’archivio di Stato di Firenze è la prima testimonianza scritta di come a Capezzana già più di 1200 anni fa venissero allevate viti e olivi per produrre vino ed olio.

La divisione di Cosimo III dei Medici nel 1716 aggiunge un’importante conferma anni dopo alla straordinaria vocazione territoriale di Carmignano e di Capezzana tanto da vedere per la prima volta nella storia dell’umanità una legge atta a tutelare e difendere i territori maggiormente vocati per la produzione di vino.

Il Bando Granducale o Editto di Cosimo III viene considerato al giorno d’oggi il primo documento di tutela e controllo dei territori prestigiosi per la produzione di vino ed è un orgoglio per Carmignano essere insieme a Chianti, Pomino e Valdarno Superiore il primo territorio riconosciuto e tutelato dal ‘700 in poi da frodi e sofisticazioni.

La Famiglia Contini Bonacossi riconosce sin dal principio in cui rileva l’azienda questo senso di protezione e tutela che dovrà portare avanti e si rimbocca le maniche per dimostrare al mondo di che stoffa è fatta Carmignano.

L’animo e la consapevolezza di un territorio unico si descrivono nel migliore dei modi attraverso i loro prodotti sempre coerenti e figli delle differenti annate.

Una verticale perfettamente organizzata dalla Famiglia Contini Bonacossi durante il fervore della vendemmia è la prova definitiva della qualità eccelsa di questo territorio che ha regalato emozioni in 12 annate differenti dal 2017 al 1930.

Magistralmente condotta da Franco Bernabei, enologo e consulente di Capezzana, e supportata dalla proprietà Contini Bonacossi nelle figure di Filippo, Beatrice e Serena, la verticale durata un paio d’ore ha messo da subito in chiaro le cose: il Sangiovese prodotto a Carmignano ha carattere da vendere.

Non è solo il vitigno più conosciuto d’Italia però il protagonista di questo straordinario successo che nel tempo ha visto a completamento del blend il Canaiolo ed altri vitigni tipici della tradizione italiana fino ad arrivare alla sua forma perfetta al giorno d’oggi nella ricetta di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon.

Nelle diverse annate in degustazione sono cambiate tante cose: le maturazioni, i gradi alcol del vino finito, la quantità di uva raccolta, le rese per ettaro, il modo di vendemmiare e sicuramente la tecnologia in cantina ma quel che è certo è che Capezzana non ha mai inseguito le mode, costruendo un percorso di unicità che al giorno d’oggi ha un valore inestimabile.

In modo chiaro e trasparente ogni annata, precedentemente degustata dal team Capezzana e dall’enologo Bernabei, è stata analizzata e descritta nell’andamento climatico della stagione fornendo tutte le analisi necessarie per entrare in un mondo che poche volte si ha l’opportunità di esplorare.

L’eleganza della matrice vino mostra nobiltà sin dal lontano 1930, anno in cui l’enologo Gattamorta ha prodotto un vino che dopo 90 anni ancora emoziona e regala sorso e piacevolezza durante il tasting.

Tra le annate in degustazione l’annata 1969 ha presentato un andamento climatico favorevole con buone piogge ad intervalli che hanno garantito una notevole riserva idrica nei terreni.

L’annata 1974 presentò un’estate tiepida e mai veramente calda. Le uve maturarono tardivamente e in alcune zone si raccolse dopo un’abbondante nevicata.

L’annata 1977 presentò un’estate calda ed asciutta a Carmignano ed i vini risultarono strutturati ed armonici.

Le annate più vecchie in degustazione emozionano e regalano grandi sorprese.

Onorato di aver partecipato a questa verticale epica, fortemente voluta dalla Famiglia Contini Bonacossi, dall’enologo Franco Bernabei e dall’agenzia di comunicazione Pr Comunicare il vino resterà indelebile nella memoria e resterà sempre un riferimento per i grandi vini che spero di continuare ad assaggiare.

Di seguito i commenti di tutti i vini degustati:


Vini Rossi

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1998 95 Rosso

Classicismo puro nel profilo nobile e bohémien che offre piacevolezza nei tratti floreali di ibisco, gerani, radice di ginseng, prugne rosse e fragole mature. In sottofondo l’animo elegante manifesta note di polvere da sparo e cenere ben fuse alle note di pino marino. Corpo medio-pieno, tannini egregiamente estratti di notevole qualità ed un finale succoso e brillante che emoziona e chiede di tornare al calice. Che classe. Un blend di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Bevi ora o invecchia.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1981 95 Rosso

Rustico e leggermente wild nell’animo accattivante mostra note di fiori rossi, mandorle tostate, cuoio, buccia di arancia, caramello salato, pietra focaia, polvere da sparo e cannella in polvere. Corpo medio-pieno, tannini egregiamente estratti e fusi nella matrice che in modo setoso riempiono il palato e donano piacevolezza ed un finale fresco e vibrante che chiude succoso e progressivo. Emozionante a dir poco racconta la grandezza di Carmignano quasi 40 anni dopo. Un blend di 65% Sangiovese, 10% Cabernet Sauvignon, 15% Canaiolo e 10% vitigni complementari. Bevi ora o invecchia.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 2010 94 Rosso

Sandalo ed incenso descrivono il profilo prinicipale di questo solido rosso che mostra armonia ed equilibrio sensoriale. In sottofondo note nobili ricordano il bergamotto ed il rabarbaro fusi alla pienezza sensoriale delle amarene dolci. Corpo medio-pieno, acido e vibrante al palato mostra tensione e freschezza che animano la degustazione. Ricco di mordente acidità e meno pronunciato nella parte tannica in un’annata tendenzialmente fresca a Carmignano. Un blend di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Bevi ora o invecchia.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 2016 93 Rosso

È aromatico e speziato il profilo principale che offre note di sandalo, incenso, canfora, hummus, cedro in pezzi, timo e citronella. Corpo pieno, disteso ed amabile mostra una salinità pronunciata ed una chiusura avvolgente ricca di grazia. Classico incarna il profilo sensoriale del Sangiovese ben fuso con il Cabernet Sauvignon. Biologico certificato. Bevi ora o invecchia.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 2006 93 Rosso

Mostra un profilo turbolento nella complessità sensoriale che si racconta a primo impatto con un profilo di sottile riduzione che lentamente si apre nei sentori di prugne nere leggermente disidratate, liquirizia, caramello salato, fiori rossi pressati, terra bagnata e chiodi di garofano. Corpo pieno, tannini morbidi leggermente dolci ed un finale amabile e ben avvolgente. Un blend di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Bevi ora.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 2017 92 Rosso

Brillante nel calice offre note fragranti di ribes, lamponi, prugne blu, caramello salato e pepe bianco. Il sottofondo è balsamico con note che ricordano l’eucalipto e le erbe officinali. Corpo medio-pieno, equilibrato al palato mostra compostezza e carattere nella difficile annata egregiamente interpretata. Un blend di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Meglio dal 2022.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1995 92 Rosso

Pronunciato al naso regala note di prugne rosse, fragole mature, fiori di ibisco, gerani, pinoli tostati, mandorle bianche e pepe bianco. Vibrante ed accattivante mostra un profilo di acidità spiccata e chiusura mordente e croccante. Completo e sostenuto regala emozioni 25 anni dopo. Un blend di 80% Sangiovese e 20% Cabernet Sauvignon. Bevi ora o invecchia.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1988 92 Rosso

Decadente nel profilo sensoriale mostra sentori di fiori rossi pressati, stecca di liquirizia, gelsomino, gelso, incenso e chinotto. In sottofondo la spaziatura della noce moscata e delle bacche di ginepro ispessiscono e donano complessità. Corpo medio, teso e vibrante regala piacevolezza immediata nella delicata chiusura. Un blend di 75% Sangiovese, 15% Cabernet Sauvignon e 10% Canaiolo. Perfetto al momento.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1974 92 Rosso

Delizioso nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, liquirizia, fieno tagliato, china, genziana e foglie bagnate. Corpo medio, tannini rustici ma ben fusi nella matrice ed un finale ampio e progressivo. Bevi ora.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1930 92 Rosso

Un vino che compie 90 anni si regala nel colore delicato e sensuale dalle sfumature pompelmo rosa ed aranciate. Al naso mostra in modo sottile note di gerani, tiglio, fiori di magnolia, erba tagliata, chinotto, buccia di mandarino, rosmarino e ciliegie disidratate. In sottofondo l’anice stellato e la radice di ginseng descrivono armonia nel profilo secondario. Corpo medio, tannini perfettamente fusi nella matrice per nulla scomposti ed un finale esile ma dalla notevole persistenza nel retrogusto che regala sfumature iodate e lattiche che inducono emozioni. Un’esperienza più unica che rara che descrive la forza di un territorio e forse di un intero Paese. Un blend di 70% Sangiovese, 10% Cabernet Sauvignon, 10% Canaiolo e 10% vitigni autoctoni. Bevi ora.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1977 91 Rosso

La camomilla disidratata apre le scena principale nel tratto floreale fuso a note di erba tagliata, fieno, malto d’orzo, tiglio, timo e maggiorana appassita. In sottofondo l’incenso, il tabacco dolce ed il caffè in polvere impostano la piacevolezza della scena secondaria. Corpo medio, tannini morbidi al momento leggermente erbacei nella natura ed un finale croccante di piacevole bevibilità. Un blend di 65% Sangiovese, 10% Cabernet Sauvignon, 15% Canaiolo e 10% complementari. Bevi ora.

Capezzana Carmignano Villa di Capezzana 1969 90 Rosso

Esplosivo al naso mostra sentori complessi e misti che virano dal floreale al fruttato descrivendo una delicata potenza fatta di note dark di fiori bagnati, foglie di tè nero, muschio bianco, fragoline di bosco, biancospino, buccia di arancia arsa e chiodi di garofano. Il sottofondo fresco e balsamico di menta piperita si fonde a note di noce moscata e mosto d’uva pressata. Incredibile la qualità sensoriale che si descrive con un palato medio-leggero, un’acidità vibrante ed un finale cremoso leggermente torbido nella chiusura ferrosa. Bevi ora.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on email

Altri articoli

Sei un produttore?

Entra in contatto con il nostro team