Chianti Classico in auge, la crescita è inarrestabile

Immagine di Vigna Il Poggio a Castello Monsanto

Tra castelli e boschi la vera ricchezza del Gallo Nero.

Torniamo con piacere e stupore in una delle zone più pregiate di produzione del vino rosso italiano, il Chianti Classico.

Leggi tutto

Una denominazione che fa parlare di se oggi più che mai grazie alla modernità, al carattere, al gusto e alla freschezza dei vini prodotti.

Una cornice unica in due province note e nobili : Siena e Firenze.

La complessità del Chianti Classico risiede nella profondità e nella differenza dei suoli che lo contraddistinguono. Galestro, alberese, scheletro, sono le componenti principali alle quali si uniscono composizioni più o meno differenti di sabbia e limo che donano impronte diverse alle diverse espressioni che qui nascono.

Una complessità provata a spiegare mediante le UGA. Otto comuni divisi in 11 Unità Geografiche Aggiuntive, sottozone della denominazione che hanno caratteristiche pedoclimatiche più o meno simili. Ne abbiamo parlato tempo fa nell’articolo qui riportato : https://www.winescritic.com/chianti-classico-collection-2023-quanta-carne-al-fuoco-la-gran-selezione-2019-raggiunge-i-livelli-piu-alti-di-sempre-in-denominazione/.

La verità è che il territoiro vasto che comprende 70000 ettari nelle due province potrebbe essere diviso ancora a sua volta ma per iniziare ad approfondire in modo serio ma leggero senza destare preoccupazione ai clienti finali, la divisione è certamente centrata.

Ogni anno elaboriamo il nostro report che include la degustazione e le recensioni di oltre 300/350 Chianti Classico. Questo report nasce invece con lo scopo di raccontare ed attaccare le note di degustazione di splendidi vini degustati.

Una visita di piacere in cui abbiamo avuto il piacere di approfondire 11 aziende in Chianti Classico su comuni diversi, storicità diversa e chiaramente esposizione e prerogative differenti. Le UGA approfondite sono state quella di Castelnuovo Berardenga, Greve, San Donato in Poggio, Radda e Castellina in Chianti.

Sapevate che fino al 1996 non era possibile imbottigliare un vino solo da Sangiovese ed avvalersi della tutela della denominazione? E che addirittura solo nel 2006 è diventato obbligatorio produrre Chianti Classico da sole uve rosse autoctone ed internazionali? Ecco da allora sono stati fatti passi da gigante ed il Consorzio ha decisamente dato una svolta nella produzione di grandi vini.

Sia ben chiaro non è assolutamente un attacco alla denominazione ma un commento a caldo di quanto sia cambiato il mondo Chianti Classico in poco più di 20 anni.

Il Chianti Classico sa davvero donare emozioni grazie alla conformazione, al tipo di natura e alla bellezza dei paesaggi che lo compongono. Sembra si trovi anche una similitudine tra la grazia delle colline con i vini che si producono. Più sono dolci e più sono pronti ed amabili i vini, più sono fitte e ripide e più sono tesi e a tratti spigolosi i vini che si producono.

Visita e Degustazione presso Fèlsina. A Castelnuovo Berardenga l’azienda fa da cucitura alla parte più alo Sud del Chianti Classico che confina poi con il Chianti.

Tra le prime aziende visitate Tenuta di Arceno e Fèlsina. L’arrivo a Castelnuovo Berardenga è di impatto. Siamo al Sud della denominazione, spazi aperti, vallate che sono orientate e guardano in direzione di Grosseto e del mare. Qui i vini sanno essere speziati, caldi ed avvolgenti.

L’approfondimento di Castellina in Chianti passa invece per Villa Trasqua, Tenuta di Lilliano e Castello La Leccia. I vini sono equilibrati, armonici e bilanciati. Un po’ come la composizione dei suoli mista. Villa Trasqua solido e centrato, Tenuta di Lilliano, diretto e spavaldo grazie alla notevole composizione dei suoli di origine fluviale limosa, Castello La Leccia con buona presenza di scheletro ed alberese di natura calcare.

Nel territorio fiorentino, abbiamo fatto visita a Laura Bianchi e sua figlia Giulia presso Castello Monsanto. Un’esperienza bellissima, dalla passeggiata in vigna alla degustazione, passando chiaramente per la splendida galleria costruita in 3 anni, inziata nel 1986 e terminata nel 1989 da Giotto, Mario e Romolo. Vecchie annate e storia di famiglia si riflettono nella produzione di grandi vini immutata nel tempo.

Chiudono le visite l’approfondimento al territorio di Radda e a Greve. A Radda prima visita in assoluto al Castello di Volpaia. Nel borgo di Volpaia, Federica Mascheroni in una giornata nebbiosa, singolare ed alquanto suggestiva, ci racconta ogni piccolo dettaglio della produzione dei vini nel borgo. Le difficoltà logistiche ma soprattutto l’adattamento al luogo e lo spessore enologico dei terreni ricchi di macigno ed arenarie miste rendono unica la progettazione dei vini che qui nascono.

È presso Castello di Volpaia che degustiamo inoltre il progetto dei Vignaioli di Radda chiamato Il Vino dei Vignaioli. È un codice di avviamento postale a contraddistinguere il progetto, quello del comune di Radda. Il vino è frutto dell’assemblaggio delle migliori masse che 24 differenti produttori portano presso una cantina del territorio per elevarlo a qualità superiore. Il vino è prodotto ed affinato solo in acciaio in una tiratura limitata destinato alla vendita in bottiglie Magnum, vendita che i produttori impiegheranno per sostenere le attività dell’associazione.

Approfondiamo il territorio con la visita a Brancaia, che vanta vigne sia a Radda che a Castellina e a Colle Bereto.

Brancaia vanta una produzione solida ed elegante, sempre ricercata nella finezza stilistica. Colle Bereto raggiunge livelli di grazia e piacevolezza davvero importanti. I vini (compreso il Pinot Nero) parlano di territorio e di riposo. I lunghi affinamenti sono perfettamente tollerati dal vino che mostra la giusta tensione e vibrazione.

Immancabile la visita da Angela Fronti proprietaria ed enologa ad Istine. Ottimi vini che continueranno a crescere nel tempo. Vigne piuttosto giovani che trovano la migliore forma negli ultimi anni. La tensione e la freschezza qui giocano un ruolo davvero importante.

Chiudiamo con la visita a Villa Calcinaia, un grazie sentito di riconoscimento è doveroso nei confronti della proprietà e del tempo dedicato dal Conte Sebastiano Capponi. Un luogo magico, senza tempo, una storia che meriterebbe un glorioso approfondimento che speriamo di poter raccontare in un altro articolo.

Di seguito i commenti di tutti i vini degustati :

Vini Rossi

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Fèlsina Chianti Classico Colonia Gran Selezione 2020 96 Rosso

Maturo ed appagante mostra note di prugne nere, more, cioccolato fondente, salvia, maggiorana, mirto selvatico, bacche di ginepro, camomilla, cumino, pepe nero e guaranà. Tanto bergamotto e chinotto descrivono la scena secondaria di enorme pregio. Corpo pieno, tannini perfettamente maturi ed un finale potente, strutturato e decisamente avvolgente. Una pietra miliare in Chianti Classico. Meglio dal 2026.

Castello di Monsanto Chianti Classico Vigneto il Poggio Gran Selezione 2019 96 Rosso

Leggermente polveroso al naso mostra note di gerani, passiflora, guaranà, magnolia, gardenie, fiori di arancio, spezie miste e citronella. Le sfumature officinali descrivono la scena secondaria nell’apprezzamento di nuance di timo selvatico, maggiorana e calendula. Corpo pieno, tannini molto morbidi e levigati ed un finale caldo ed avvolgente di grande spessore enologico e materia consistente. Meglio dal 2026.

Villa Calcinaia Chianti Classico Vigna Bastignano Gran Selezione 2020 96 Rosso

Bello e di natura floreale mostra note di violetta selvatica, susine, giacinto, canfora, fiori di gardenie e magnolie. Corpo pieno, tannini perfettamente setosi ed un finale di incredibile grazia e personalità. Meglio dal 2026.

Tenuta di Arceno Chianti Classico Strada al Sasso Gran Selezione 2021 95 Rosso

Preciso e vibrante nel carattere principale offre note di violetta selvatica, ibisco, magnolie, gerani, camomilla, biancospino e giacinto. Corpo pieno, tannini perfettamente levigati ben estratti ed un finale compatto, serio e di dinamica linearità e progressione. Meglio dal 2026.

Istine Chianti Classico Radda Vigna Istine Gran Selezione 2021 95 Rosso

Elegantissimo e profumato, suadente ed accattivante mostra note di susine, agapanto, giacinto, petali di rosa e succo di pompelmo. Corpo medio, tannini soffici gentilissimi nella forma e nell’estrazione ed un finale succoso e brillante che emoziona sorso dopo sorso. Meglio dal 2026.

Tenuta di Arceno Chianti Classico Campolupi 2021 94 Rosso

Preciso ed elegante nel profilo sensoriale mostra note di lavanda, ibisco, violetta, gelsomino, biancospino, magnolie, gardenie e tiglio. Tante sfumature officinali ed agrumate raccontano la scena secondaria. Corpo medio-pieno, tannini morbidi ed un finale succoso e ben equilibrato. Meglio dal 2025.

Villa Trasqua Toscana Trasgaia 2019 94 Rosso

Violetta selvatica, susine, fiori di agapanto, giacinto e lavanda. Corpo medio-pieno, tannini mordenti di ottima grana di carattere polveroso ed un finale teso e verticale che in allungo mostra tensione e ottima acidità. Meglio dal 2026.

Castello di Monsanto Chianti Classico Vigneto Il Poggio Riserva 1982 94 Rosso

Genuino e dal carattere ematico mostra note di gerani, passiflora, biancospino, fiori di arancio, pietra sbriciolata, cedro in pezzi, maggiorana, camomilla, elicriso e ginestra. Visciole, fragoline di bosco e mosto d’uva albergano in sottofondo donando un’impronta verace. Corpo pieno, tannini morbidi ed un finale leggiadro e persistente fatto di grande qualità dell’uva e conoscenza del territorio. Splendido adesso, impressionante pensarlo al tempo. Emozionante la cifra stilistica. Bevi ora o invecchia.

Brancaia Chianti Classico Riserva 2021 94 Rosso

Vibrante ed espressivo mostra note di prugne nere, more, incenso, bacche di ginepro, noce moscata e mirto selvatico. Speziato e coinvolgente mostra un corpo pieno, tannini perfettamente maturi ed un finale integro e ben compatto. Bevi ora.

Brancaia Chianti Classico Gran Selezione 2020 94 Rosso

Ricco e ben slanciato nel profilo sensoriale mostra note di gerani, passiflora, canfora, buccia di mandarino, succo di limone, zenzero tagliato, radice di ginseng, genziana, camomilla e guaranà. Corpo medio-pieno, tannini molto morbidi e ben polimerizzati ed un finale composto e di natura nobile. Meglio dal 2026.

Colle Bereto Chianti Classico Gran Selezione 2018 94 Rosso

Serio ed austero ricorda di note importanti e stratificate di prugne nere, more, spezie miste di ginepro, pepe nero, bergamotto e coriandolo. Corpo medio-pieno, amabile nel sorso mostra grazia e qualità. Splendido sin da subito continuerà a crescere nel migliore dei modi. Bevi ora o invecchia.

Colle Bereto Toscana Il Tà³cco 2020 94 Rosso

Espressivo e dinamico mostra note di prugne nere, susine, more, visciole, agapanto, violetta selvatica e guaranà. Corpo pieno, tannini molto morbidi e ben levigati ed un finale compatto e gustoso che mostra grazia e grande spessore enologico. Una grande espressione di Merlot prodotta in Chianti Classico. Bevi ora o invecchia.

Villa Calcinaia Chianti Classico Vigna Contessa Luisa Gran Selezione 2020 94 Rosso

Ricco e di notevole potenza sensoriale mostra note di prugne nere, visciole, mirto selvatico, cannella in polvere, china, rabarbaro e cumino. Corpo pieno, tannini ben estratti di natura leggermente rigida ed un finale davvero vibrante. Meglio dal 2026.

Il Vino dei Vignaioli Toscana 53017 2019 94 Rosso

Wow, preciso ed essenziale nel profilo sensoriale mostra note di gerani, succo di limone, bacche di ginepro, noce moscata, ciliegie disidratate, caramello dolce, citronella, bergamotto, e pepe bianco. Corpo medio, tannini mordenti ed un finale di grande qualità e luminosità. Che bello! Solo acciaio nasce dall’unione nel progetto di 24 differenti produttori che “blendano” insieme i loro territori per fonderli in un solo progetto. Bevi ora.

Villa Trasqua Chianti Classico Fanatico Riserva 2019 93 Rosso

Aperto e dinamico mostra note di gerani, passiflora, incenso, cumino, sandalo, biancospino, pepe bianco, camomilla, elicriso e ginestra. Corpo medio-pieno, tannini ben estratti che creano l’ossatura della matrice ed un finale gioioso e sapido che si distende con ottimo classicismo. Bevi ora o invecchia.

Villa Trasqua Chianti Classico Nerento Gran Selezione 2018 93 Rosso

Dinamico e ben complesso nel profilo sensoriale mostra note di fiori rossi, fragoline di bosco, cedro in pezzi, maggiorana, timo selvatico e pepe bianco. Corpo medio-pieno, tannini morbidi di grana finissima ed un finale equilibrato e gustoso che fa della scorrevolezza la sua arma principale. Bevi ora.

Tenuta di Lilliano Chianti Classico Ruspoli Riserva 2020 93 Rosso

Fresco e vibrante mostra note di more, visciole, agapanto, giacinto e muschio bianco. Tante sfumature di erbe officinali e lime descrivono la scena secondaria elegante e decisa. Corpo medio-pieno, elegante e succoso nel profilo gustativo chiude armonico e bilanciato. Bellissimo sin da subito. Bevi ora.

Tenuta di Lilliano Chianti Classico Ruspoli Gran Selezione 2018 93 Rosso

Genuino e floreale nel profilo sensoriale mostra note di gerani, passiflora, biancospino, gelsomino e guaranà. Tanti petali di rosa e pompelmo descrivono la scena secondaria. Corpo medio, tannini morbidi di grande leggiadria ed un finale di ottima espressività. Bevi ora.

Istine Chianti Classico Vigna Cavarchione Gran Selezione 2021 93 Rosso

Maturo e deciso nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, more, visciole, datteri, mirto selvatico, susine e mirtilli pressati. Corpo pieno, tannini morbidi decisamente polimerizzati ed un finale scorrevole ed autentico che mostra il giusto tono di calore e freschezza ben combinati. Meglio dal 2026.

Colle Bereto Pinot Nero Toscana Il Cènno Selezione di Famiglia 2018 93 Rosso

Gerani, biancospino, buccia di mandarino e passiflora animano la scena principale. Coriandolo e pepe bianco descrivono la scena secondaria. Corpo medio, tannini di grana finissima ed un finale che mostra qualità ed energia, brillantezza e carattere. Godibile e di grande qualità. Bevi ora.

Colle Bereto Chianti Classico 2021 93 Rosso

Leggermente polveroso al naso mostra note di lamponi, ciliegie, pompelmo, buccia di limone e fiori bianchi misti. In sottofondo sfumature di cedro in pezzi, calendula, tiglio e susine descrivono la scena secondaria di originale fattura e bellezza mediterranea. Corpo medio, tannini soffici ed un finale di grande armonia ed eleganza. Un Radda nel bicchiere terso ed accattivante. Bevi ora o invecchia.

Colle Bereto Chianti Classico Riserva 2018 93 Rosso

Maturo ed appagante mostra note di prugne nere, more, visciole, fragoline di bosco, chinotto, bergamotto e spezie indiane. Corpo medio-pieno, tannini morbidi ed un finale compatto e ben leggiadro nel sorso elegante. Bevi ora.

Villa Calcinaia Chianti Classico Vigna La Fornace Gran Selezione 2020 93 Rosso

Ricco e pronunciato nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, more, cioccolato fondente, salvia arsa e maggiorana. Tanta pietra sbriciolata descrive la scena secondaria. Corpo pieno, tannini morbidi di ottima grana fine ed un finale avvolgente e ricco di grazia nel carattere caldo del millesimo. Bevi ora o invecchia.

Villa Calcinaia Toscana Casarsa 2020 93 Rosso

Caldo e speziato mostra note di more, bacche di ginepro, fragoline di bosco, visciole, buccia di mandarino, cedro in pezzi, noce moscata e succo di lime. Corpo medio, tannini rotondi ed un finale avvolgente gustoso e ben armonico. Bevi ora.

Castello di Volpaia Chianti Classico Coltassala Gran Selezione 2020 93 Rosso

Preciso e compatto mostra note di gerani, violetta selvatica, ibisco, fiori bianchi misti e camomilla ed elicriso. Corpo pieno, succoso e bilanciato chiude armonico ed essenziale. Bevi ora.

Tenuta di Arceno Sconosciuta Il Fauno di Arcanum 2021 92 Rosso

Ampio e deciso, strutturato e coinvolgente mostra note di prugne nere, more, visciole, mirtilli pressati e mirto selvatico. Tanta liquirizia e china descrivono la scena secondaria. Corpo medio-pieno, tannini ben levigati ed un finale solare ed avvolgente di buona espressività. Meglio dal 2025.

Villa Trasqua Chianti Classico 2020 92 Rosso

Maturo ed appagante nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, more, cioccolato fondente, sandalo, cumino e citronella. Bacche di ginepro e pepe nero descrivono la scena secondaria. Corpo medio, tannini perfettamente maturi e ben integrati nella matrice ed un finale leggiadro e gustoso che mostra energia e conoscenza. Bevi ora.

Villa Trasqua Toscana Experimentum 2013 92 Rosso

Molto maturo al naso mostra un evidente carattere terziario con note di prugne nere, more, cioccolato fondente e spezie indiane. Corpo medio, tannini soffici ed un finale avvolgente di buona armonia. Cabernet Franc in purezza. Bevi ora.

Tenuta di Lilliano Toscana Vignacatena 2001 92 Rosso

Maturo ed appagante nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, more, cioccolato fondente. sandalo, incenso, bacche di ginepro e pepe nero. Corpo medio, succoso e godibile nel sorso mostra tanta grazia e carattere scorrevole. Un Merlot 100% da una vigna singola in azienda. Bevi ora o invecchia.

Istine Chianti Classico Casanova dell’Aia Gran Selezione 2021 92 Rosso

Genuino e spavaldo mostra note di susine, fiori di agapanto, guaranà, citronella, vetiver, coriandolo e spezie miste. Tante sfumature agrumate descrivono la scena secondaria. Corpo medio, tannini mordenti ed un finale succoso e ben lineare e verticale. Meglio dal 2026.

Colle Bereto Pinot Nero Toscana Il Cènno 2020 92 Rosso

Luminoso e solare mostra note di ciliegie, lamponi, gerani, passiflora e buccia di mandarino, zenzero tagliato e succo di pompelmo. Corpo medio, tannini morbidi ed un finale ricco di grazia e godibilità. Splendido sin da subito. Bevi ora.

Villa Calcinaia Chianti Classico 2021 92 Rosso

Ricco e ben slanciato nel profilo sensoriale violetta selvatica, lavanda, susine, gerani e noce moscata. Tanto rosmarino anima la scena secondaria. Corpo medio, tannini soffici ed un finale succoso e ben slanciato. Caldo ed avvolgente. Bevi ora.

Villa Calcinaia Chianti Classico Riserva 2020 92 Rosso

Aperto e deciso nel profilo sensoriale mostra note di fragole, prugne rosse, liquirizia, radice di ginseng e pepe bianco. Corpo medio-pieno, tannini morbidi ed un finale caldo ed avvolgente. Solare e mediterraneo. Bevi ora.

Castello di Volpaia Chianti Classico Riserva 1987 92 Rosso

Floreale appassito nel profilo sensoriale mostra note di ibisco, karkadè, buccia di limone, maggiorana e timo selvatico. Tiglio appassito ed erba tagliata descrivono la scena secondaria. Succoso e bilanciato mostra un palato integro che ricorda chinotto e bergamotto. Corpo medio, tannini soffici ed un finale succoso e di buona dinamicità anni dopo la vendemmia. Un blend di Sangiovese, Canaiolo, Malvasia e Trebbiano. Bevi ora.

Tenuta di Lilliano Chianti Classico Lilliano 2021 91 Rosso

Maturo e solare mostra note di prugne nere, more, cioccolato fondente e menta piperita. Corpo medio-pieno, tannini morbidi ed un finale solido e centrato di piacevole scorrevolezza antocianinica. Bevi ora.

Brancaia Chianti Classico 2022 91 Rosso

Compatto con aromi primari intriganti ricorda di prugne nere, more, chiodi di garofano, bacche di ginepro e spezie miste. Corpo medio, tannini soffici di buona grana fine ed un finale vispo e gioioso. Bevi ora.

Castello di Volpaia Chianti Classico Riserva 1988 90 Rosso

Ricco e pronunciato mostra note di prugne nere, more, china e cioccolato fondente. Corpo medio, tannini leggermente asciuganti ed un finale dai tratti wild leggermente opachi. Bevi ora.

Brancaia Toscana Tre 2022 89 Rosso

Genuino e leggiadro nel profilo sensoriale mostra note di ciliegie, lamponi, mirtilli pressati e susine. Corpo medio, tannini leggermente erbacei ed un finale chiaro ed essenziale. Bevi ora.

Castello di Volpaia Chianti Classico Riserva 1991 89 Rosso

Opaco e leggermente rigido ed austero nel profilo sensoriale mostra note note di prugne nere disidratate, chiodi di garofano, terra bagnata e bacche di ginepro. Corpo medio, leggermente asciugante nel sorso chiude bilanciato e piacevole. Bevi ora.

Vini Bianchi

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Fèlsina Chardonnay Toscana I Sistri Colleziona Privata 2019 92 Bianco

Prugne gialle, pesche gialle e ribes bianchi invadono la scena primaria. Secondariamente, fiori gialli pressati, caramello salato e zest di lime. Al palato, corpo medio, acidità cremosa ed un finale morbido e solido.

Istine Toscana Bianco 2022 92 Bianco

Potente al naso mostra note di pesche gialle, mango, papaya e curcuma. Corpo pieno, dolcezza ed armonia nel sorso ed un finale accattivante decisamente godibile. Fermentato ed affinato in anfore di terracotta. Un blend di Trebbiano e Malvasia.

Villa Calcinaia Toscana Le Refie 2022 92 Bianco

Leggermente grezzo nel profilo sensoriale mostra note di pietra sbriciolata, zenzero tagliato, camomilla ed elicriso. Corpo pieno, grassoso nel sorso chiude leggermente dolce con residuo pensato per abbinamenti studiati. Bevi ora.

Fèlsina Toscana I Sistri 2021 91 Bianco

Timido al naso, si manifesta con ricordi di prugne gialle, nespole e mallo di noce. In sottofondo, pietra focaia, stecca di liquirizia ed incenso. Al palato, corpo medio, acidità succosa ed un finale scorrevole ben eseguito.

Sparkling

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Fèlsina Vino Spumante di Qualità Metodo Classico S.T. 10 Anni 0 93 Sparkling

Intrigante nel profilo sensoriale mostra note di gerani, fiori di arancio, zenzero, buccia di limone, sandalo, pepe bianco, incenso, camomilla ed elicriso. Corpo medio-pieno, struttura tannica dalla giusta mordenza ed un finale vispo e dinamico. Bellissimo sin da subito potrà invecchiare nel migliore dei modi. Bevi ora.

Villa Calcinaia Vino Spumante di Qualità Mauvais Chapon Metodo Classico Rosato 2018 93 Sparkling

Ricco e di pronunciata bellezza ricorda di fiori di arancio, mandarini, lime, bergamotto e pietra sbriciolata. Corpo pieno, bollicina vispa e vibrante ed un finale coinvolgente ed accattivante. Bevi ora.

Fèlsina Vino Spumante di Qualità Metodo Classico Millesimato 2018 92 Sparkling

Preciso ed essenziale nel profilo sensoriale mostra note di fiori bianchi misti, buccia di mandarino, cedro in pezzi e caramello dolce. Corpo medio-pieno, bollicina sottile ed un finale autentico davvero solare e succoso. Piacevole e decisamente unico nel carattere varietale. Ben fatto. Quarantotto mesi sulle fecce fini prima della sboccatura. Bevi ora.

Condividi questo post

Altri articoli

Degustazioni

Sassicaia 2021, fendente ma aggraziato

A Bolgheri la poesia oltre la stagione concentrata La visita presso Tenuta San Guido lo scorso 9 Febbraio è stato momento di approfondimento dei nuovi

Entra in contatto con il nostro team

Se sei un Produttore o un’Azienda e vuoi partecipare alle degustazioni annuali della Compagnia, CONTATTACI all’e-mail: info@winescritic.com.
Potrai ricevere informazioni sul nostro lavoro e sui nostri Eventi virtuali e in presenza. Siamo sempre alla ricerca di nuove realtà da poter raccontare in tutto il Mondo.