Petrolo: l’eccellenza vinicola e la sostenibilità ambientale in Valdarno Superiore

Petrolo si trova in provincia di Arezzo sui colli del Chianti che dominano il territorio del Valdarno di Sopra, storicamente riconosciuto come adatto alla produzione di vini di qualità.

Petrolo è di proprietà della famiglia Bazzocchi-Sanjust dagli anni ’40 del Novecento ed oggi è gestita da Luca Sanjust, figlio di Lucia Bazzocchi-Sanjust.

La tenuta si estende su una superficie di 272 ettari ed è dominata dalla stupenda Torre medievale di Galatrona. La tenuta è composta da una grande villa costruita nei primi decenni del 1700 dall’artista Massimiliano Soldani Benzi e da altre 5 case coloniche.

Vista mozzafiato dalla Torre di Galatrona

Le attività che Petrolo porta avanti con successo dalla seconda metà degli anni 80 sono la produzione di vini di pregio e di eccellente olio extra vergine di oliva biologico, oltre alla conduzione di un agriturismo in una splendida cornice rurale tipica toscana.

Dopo anni di conduzione biologica degli oliveti (già dagli anni ’90), nel 2004 Petrolo abbandona l’agricoltura tradizionale anche nei vigneti a favore di pratiche naturali e sostenibili. Nel 2016 Petrolo ottiene la certificazione di agricoltura biologica anche nella conduzione delle vigne.

I vigneti si estendono per 31 ettari nella DOC Val d’Arno di Sopra, ad un’altitudine compresa tra i 250 e 450 metri s.l.m., dove il terreno presenta stratificazioni rocciose di galestro, arenaria e alberese del Chianti.

Nei vigneti sono presenti sia vitigni autoctoni che internazionali (Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Merlot, Trebbiano e Malvasia bianca). La densità di impianto è di circa 5.500 ceppi per ettaro e la produzione per ettaro è molto limitata.

I vigneti rappresentano dei veri e propri cru aziendali (San Marco, Galatrona, Feriale, Lecceta, Asilo, Meletana, Casariccio, Campaccio, Pianacci, Bòggina, Dottore, Poggio e Lago). Da essi si ottengono le uve per la produzione dei vini aziendali, tra cui i noti Galatrona e Torrione.

Vigna Galatrona

Galatrona è il 100% Merlot di Petrolo ed è ottenuto dall’omonimo vigneto piantato tra la fine degli anni ottanta e la metà degli anni novanta con cloni bordolesi di bassa vigoria.

Torrione, voluto da Lucia Bazzocchi Sanjust nel 1988 e realizzato allora con l’aiuto di Giulio Gambelli, rappresenta la svolta produttiva di Petrolo: l’obiettivo di realizzare vini alla ricerca estrema della qualità. Torrione è ottenuto dall’assemblaggio delle uve (Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon) di tutti i vigneti aziendali.

Campolusso è il vino che proviene dal Cru di Cabernet Sauvignon di Petrolo. Posizionato ai piedi della torre di Galatrona, è interamente circondato da boschi, il vino che ne deriva, vinifica in vasche di cemento e matura in barrique di rovere francese nuove.

Il Bòggina A, un Sangiovese in purezza fermentato ed affinato in anfore di terracotta dell’Impruneta, inno alla “toscanità” che questa aziende non lascia mai. Note di ciliegie fuse a sentori agrumati sono la sua tipicità e l’aspetto che più rende questo vino “contraddittorio” un salto nell’innovazione!

Ed infine il Bòggina B, vinificazione spontanea con lieviti autoctoni in tonneaux ed affinamento per oltre 15 mesi in tonneaux francesi selezionati rendono questo Trebbiano del Valdarno un oggetto unico di studi ed osservazione di come l’enologia teorica spesso deve alzare le mani di fronte alla pratica unica di ogni produttore.

Il microclima unico della zona, la composizione particolare dei suoli, l’attenta gestione dei vigneti e lo scrupoloso lavoro di cantina, dove la mano dell’uomo cerca solo di valorizzare il frutto della natura, contribuiscono alla produzione degli eccellenti vini Valdarno di Sopra DOC.

Vasi differenti di fermentazione ed affinamento nelle cantine di Petrolo

Abbiamo avuto il piacere e l’onore di essere accolti da Rocco Sanjust, figlio di Luca, che da qualche anno ormai segue l’azienda e la racconta come solo un innamorato sa fare.

Col cuore e con tanta testa, insieme all’enologo interno Simone Cuccoli, facciamo un giro dei vigneti e ci perdiamo nella bucolica Vigna Campaccio immersa in un anfiteatro boschivo ben ventilato ma protetto.

Vigna Campolusso, con il suo impianto ad alberello e Vigna Boggina A e B sono la degna conclusione della nostra avventura itinerante alla scoperta della proprietà dell’Azienda!

Il pomeriggio si conclude con una degustazione emozionante e sempre costruttiva delle loro referenze più preziose.

Degustazione dei vini dell’azienda Petrolo

Di seguito i vini degustati:

Vini Rossi

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Petrolo Valdarno di Sopra Galatrona 2021 97 Rosso

Incredibilmente profondo e vibrante nel profilo sensoriale mostra note di prugne nere, violetta selvatica, bacche di ginepro, china, liquirizia, mandorle tritate, guaranà, chiodi di garofano, grafite, cioccolato fondente e vetiver. Tante sfumature balsamiche descrivono la scena secondaria di ottima fattura. Corpo pieno, tannini ben estratti leggermente rigidi al momento ed un finale di grande spessore enologico. Meglio dal 2027.

Petrolo Valdarno di Sopra Campolusso 2021 97 Rosso

Potente e decisamente floreale nel carattere principale mostra note di violetta, giacinto, bacche di ginepro, liquirizia, caramello dolce, susine, agapanto e leggera percezione di zucchero a velo dolce ma perfettamente fuso con le note principali. Corpo medio-pieno, anima e leggiadria caratterizzano il sorso succoso e ben luminoso. È sapido e decisamente brillante in ogni parte del sorso che coinvolge e chiede di tornare al calice. Meglio dal 2025.

Petrolo Valdarno di Sopra Bòggina C Riserva 2021 96 Rosso

Potente al naso mostra tante note di lamponi, ribes, amarene, prugne rosse, fragole di bosco, pompelmo rosa, buccia di mandarino e spezie indiane. Tante sfumature mediterranee donano complessità in sottofondo. Corpo pieno, tannini mordenti con ottima tensione ed un finale di grande persistenza. Importante la percezione del legno nuovo, al momento avrà bisogno di tempo per distendersi. Fermentazione in cemento, maturazione in legno ed affinamento in bottiglia prima di essere rilasciata in commercio. Meglio dal 2027.

Petrolo Valdarno di Sopra Bòggina A 2021 95 Rosso

Geniale e multiforme nel profilo sensoriale mostra note di ciliegie, buccia di limone, timo selvatico, citronella, gerani, erba tagliata e vetiver. Corpo medio, tannini di grana fine e leggermente rustica ed un finale davvero teso e brillante. Solo 3000 bottiglie prodotte. Bevi ora.

Petrolo Valdarno di Sopra Torrione 2021 94 Rosso

Eclettico e di dinamica forma sensoriale mostra note di ciliegie, prugne rosse, fragole di bosco, cedro in pezzi, succo di pompelmo, chicchi di melagrana e guaranà. Corpo medio-pieno, tannini decisi e dal carattere forte ed un finale davvero persistente e progressivo. Un blend di Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon. Meglio dal 2026.

Vini Bianchi

Produttore Denominazione Vino Annata Score Tipo
Petrolo Toscana Bòggina B 2021 97 Bianco

Estremamente accattivante e deciso nel profilo sensoriale mostra note di prezzemolo, sedano spezzato, basilico, rosmarino, muschio bianco, gelsomino, biancospino, pepe bianco, nocciole tostate, nespole, sandalo, gerani e mandorle tritate che ricordano le Madeleine. Corpo pieno, struttura polifenolica di grand persistenza al palato ed un finale che gioca perfettamente tra volume, orizzontalità e lunghezza verticale. Geniale. Bevi ora o invecchia.

Condividi questo post

Altri articoli

Degustazioni

Sassicaia 2021, fendente ma aggraziato

A Bolgheri la poesia oltre la stagione concentrata La visita presso Tenuta San Guido lo scorso 9 Febbraio è stato momento di approfondimento dei nuovi

Entra in contatto con il nostro team

Se sei un Produttore o un’Azienda e vuoi partecipare alle degustazioni annuali della Compagnia, CONTATTACI all’e-mail: info@winescritic.com.
Potrai ricevere informazioni sul nostro lavoro e sui nostri Eventi virtuali e in presenza. Siamo sempre alla ricerca di nuove realtà da poter raccontare in tutto il Mondo.